Gigi Proietti, dopo quasi due anni viene fuori il triste retroscena: com'è morto veramente l'attore

Gigi Proietti, interprete e regista capitolino è stato uno dei maggiori protagonisti che l'universo dell’arte abbia conosciuto negli ultimi anni. La sua scomparsa ha segnato profondamente tutti coloro che sono cresciuti con i suoi capolavori, tanto che tutt'ora in molti si domandano quali fossero le reali condizioni di salute dell'uomo quando è deceduto. Il fenomenale artista romano è venuto a mancare nel giorno del suo 80esimo compleanno, il 2 novembre di due anni fa. Sapere ciò ha sconvolto tantissime persone, fan dei suoi film e delle sue fiction. Nonostante sia passato diverso tempo dalla sua scomparsa, molti si continuano a domandare quale sia stato il motivo della morte dell’attore. Allora si è reso noto praticamente subito che Proietti era già da qualche giorno ricoverato presso una clinica privata.

Il motivo era legato a diverse complicazioni cardiache, dato che Gigi era cardiopatico da tanti anni. Malgrado ciò, c'è stato un momento, come si può leggere sul sito Il Sussidiario, nel quale le sue condizioni di salute sono peggiorate improvvisamente. Per la verità, la sua è stata una delle morti del mondo dello spettacolo che ha imbruttito drammaticamente un anno già nefasto come il 2020. Il capitolino da moltissimi anni conviveva con problemi cardiaci. Appunto a causa di questi si era ricoverato qualche settimana prima della sua morte. Riguardo al suo quadro clinico ha rivelato qualcosa in più il radiologo Fabrizio Lucherini, dottore che si occupava dell'attore nella clinica. Il medico ha cercato di mettere in chiaro la situazione tramite una serie di dichiarazioni scritte poi dall’Adnkronos. Fabrizio ha confessato che Proietti era gravemente cardiopatico già da tantissimi anni.

Quello che molti non sanno però è che era ricoverato dal 17 ottobre e il suo stato di salute era allarmante. Il dottore  ha aggiunto che il cuore dell'artista non funzionava bene, perciò si sono create delle disfunzioni generali che hanno dato il via in tal modo a patologie multiorgano. Il medico ha anche asserito che nelle ultime ore in cui si trovava a Villa Margherita, Gigi si era aggravato molto. E' stato proprio Lucherini a fare l’ultima tac a Proietti quando ancora era in sé. In quel momento il professionista ha capito che ormai le complicanze erano sempre di più. Quel che è sicuro è che l'attore è morto in seguito alle complicazioni generate da una crisi al cuore. Sfortunatamente i problemi di Gigi Proietti non sono finiti con la sua dipartita: ne ha avuti certi legati alla sepoltura. Difatti il cimitero del Verano era troppo pieno e quindi la sua salma era stata trasferita temporaneamente in Umbria, mentre si aspettava che si liberasse un posto per lui a Roma.

LEGGI ANCHE: Perché Gino Paoli si è sparato, tutti i dettagli sull'accaduto