La grave malattia di Bruce Willis: la verità sul suo addio al cinema

Bruce Willis è uno degli attori di Hollywood più amati e apprezzati di sempre e, solo per fare alcuni esempi, indelebili nel tempo rimarranno i suoi personaggi interpretati in Pulp fiction e L’esercito delle 12 scimmie. Purtroppo, però, è stato di recente colpito da una brutta malattia che lo ha costretto a dare l’addio al mondo dello spettacolo e, con lui, il cinema perde con lui un vero e proprio fuoriclasse.

L’attore sarebbe affetto, purtroppo, da afasia, una brutto disturbo cognitivo che impatta sulla comprensione ed uso del linguaggio. Che Bruce non stesse bene, infatti, da tempo lo si vociferava e alcune personalità del cinema già se ne erano accorte anche prima dell'effettiva comunicazione ufficiale.

Il regista Mike Burns, ad esempio, quando era alle prese con la sua opera prima Out of death ha avuto l’opportunità di lavorare con Willis e, riguardo quel periodo, ha appunto dichiarato: “Dopo il primo giorno di lavoro con Bruce, ho potuto vederlo in prima persona e ho capito che c'era un problema grave, ecco perché avevo chiesto di accorciare le sue battute”

Jesse V. Johnson, poi, in occasione di un loro fugace incontro, notò subito qualcosa di strano: "Era chiaro che non era il Bruce che ricordavo" Il regista britannico ha poi infatti dichiarato di aver parlato con il team dell'attore  chiedendo esplicitamente quali fossero le reali condizioni di salute del buon Bruce. "Hanno detto che era felice di essere lì, ma che sarebbe stato meglio se avessimo finito le riprese entro l'ora di pranzo per lasciarlo andare via presto"

La parola definitiva sull’accaduto, però, l’ha data la famiglia dell'attore e in un post firmato da tutti, la moglie Emma, l’ex moglie Demi Moore  e dai suoi cinque figli Rumer, Scout,  Tallulah, Mabel, ed Evelyn, ha fugato ogni dubbio con un triste annuncio: “Bruce sta affrontando alcuni problemi di salute. Di recente gli è stata diagnosticata l’afasia, che sta avendo un impatto sulle sue abilità cognitive. Di conseguenza si ritira da una carriera che per lui ha significato molto. Questo è un momento molto difficile per la nostra famiglia, facciamo affidamento sul vostro amore, sul vostro sostegno e sulla vostra compassione. Attraversiamo tutto questo come una famiglia unita e forte”.

Non possiamo, allora, che unirci al profondo dolore che ha colpito la famiglia Willis sperando che questa triste malattia abbia un impatto minimo sulla vita di tutti. Nel ricordo, allora, dell’opera di Bruce, non ci rimane che guardare uno dei suoi memorabili film per ricordarcelo sempre come in Die Hard.

LEGGI ANCHE: Grave lutto per Nick Cave. E' morto anche l'altro figlio Jethro Lazenby