Curiosità

“Non compro nemmeno la carta igienica”. Kate Hashimoto, la donna che vive con 170 euro al mese.

La storia di Kate Hashimoto, la donna più risparmiatrice del mondo
“Non compro nemmeno la carta igienica”. Kate Hashimoto, la donna che vive con 170 euro al mese.

Ci si lamenta spesso, soprattutto negli ultimi tempi, di non riuscire ad arrivare a fine mese; i soldi, quando ci sono, non bastano mai, la vita è troppo cara e via dicendo. Ma se vi dicessimo che c’è invece qualcuno che afferma di riuscire a vivere con soli 170 euro al mese?

Malati di risparmio

Ebbene, tal Kate Hashimoto ha raccontato la sua vita alla trasmissione  Extreme Cheapskates, che racconta appunto le esperienze di quelle persone che fanno della frugalità estrema il loro stile di vita. Le cose che Kate ha condiviso con il pubblico hanno dell’incredibile, certo siamo contro lo spreco e per il riciclo sempre ove possibile, ma questa donna deve aver perso di vista qualcosa, probabilmente.

Vivo a New York da tre anni, anche se è la città più costosa al mondo ho trovato il modo di spendere il meno possibile. Se mi sto asciugo le mani in un bagno pubblico, conservo le salviette di carta e le riutilizzo.

Queste le sue parole, che come inizio non lasciano dubbi, la sua potrebbe essere una patologia, più che un estremo risparmio, difatti la donna prosegue:

Ho arredato la mia casa raccogliendo per strada i mobili che qualcuno aveva buttato via prima che fossero raccolti dal servizio di nettezza urbana. In questo modo, solo per i mobili, ho risparmiato almeno qualche migliaio di dollari.

Tant’è che in casa sua non c’è nemmeno un letto, ma Kate dorme su materassini da yoga raccolti appunto nei pressi dei bidoni della spazzatura, e per i pasti, frugali immaginiamo, utilizza un tavolino formato da una pila di vecchie riviste.

Sarà tutto vero?

Inoltre Kate afferma di non comprare vestiti dal 1998, e per quelli che ha non usa la lavatrice ma li indossa quando fa la doccia, unendo così due azioni ed eliminando del tutto l’elettrodomestico. Il limitare estremo dei consumi non si limita a questo ma va oltre, la donna non usa carta igienica, ma direttamente acqua e sapone.

Ci si chiede ovviamente se sia tutto vero quanto affermato da Kate, e se sia davvero possibile condurre a lungo una vita del genere senza risentirne fisicamente o psicologicamente, dato che, sempre attenendoci a quanto da lei dichiarato, non ha elettricità in casa e consuma cibi presi dalla spazzatura.