Curiosità

“Questo è troppo”. Pesce d’aprile di cattivo gusto: 4000 anziani al centro vaccinale senza motivo. Cos’è successo

La bufala in Spagna che ha causato grande disagio a centinaia di persone anziane
“Questo è troppo”. Pesce d’aprile di cattivo gusto: 4000 anziani al centro vaccinale senza motivo. Cos’è successo

Il pesce d’aprile si sa deve essere possibilmente perfido, ma a volte si esagera un pochino, è quello che pare sia accaduto in Spagna; nel giorno dedicato allo scherzo nella penisola iberica si è diffuso un messaggio virale su WhatsApp di quelli che non avrebbero alcun seguito se ci si prendesse la briga di controllare.

Il messaggio virale

Purtroppo questa volta a fare le spese del messaggio bufala sono stati degli anziani.  Sembrava tutto regolare come spesso accade, l’inganno è proprio quello, mittenti che sembrano reali e attendibili ma che invece sono solo frutto della volontà truffaldina di qualcuno o semplicemente scherzi di buontemponi, come in questo caso, anche se la cosa non ha fatto ridere nessuno.

Il messaggio virale circolato e diffuso a macchia d’olio sulla piattaforma di messaggistica istantanea appariva firmato dall’autorità sanitaria di Siviglia e ha causato una corsa precipitosa verso uno dei centri della città appositamente adibito alla somministrazione dei vaccini, causando gravi problemi e congestioni difficili da gestire.

Da quanto si apprende il messaggio invitava i cittadini  over 80 a presentarsi senza appuntamento al centro vaccini assicurando che sarebbero stati sottoposti alla somministrazione della dose, pare che sia stata talmente alta l’affluenza da essere necessario l’intervento della polizia per contenere l’inevitabile assembramento.

L’intervento della polizia

Sembra che un testimone abbia detto: “quando sono arrivato io la coda per il vaccino era già lunga 600/700 metri” e leggiamo su YesLife che ha rilanciato la notizia in Italia:

 In totale, il sovraffollamento, provocato sia dall’ondata di intrusi, gli anziani ingannati dalla bufala, sia dai lunga lista di prenotati alla somministrazione delle vaccinazioni ha creato un enorme ingorgo umano, stimato tra le 4.000 e le 5.000 unità. Una mattinata ingestibile per il centro di Los Bermejales, dato che la struttura è adibita a ospitare solo 2.000 persone alla volta.

Come hanno commentato alcuni, anche noi ci chiediamo: “E cosa guadagnano le persone da questa bufala?” la risposta l’ha data un altro utente e rispecchia il nostro pensiero: ” Niente, la stupidità umana non ha limiti.”