News

“Entro oggi..”. Denise Pipitone, importanti aggiornamenti sulla vicenda: è lo stesso avvocato della famiglia a comunicarli. Cos’ha detto

Piera Maggio, madre di Denise Pipitone, è in attesa del test del DNA di Olesya
“Entro oggi..”. Denise Pipitone, importanti aggiornamenti sulla vicenda: è lo stesso avvocato della famiglia a comunicarli. Cos’ha detto

Denise Pipitone è stata trovata? Piera Maggio, la madre, sta passando momenti di apprensione in seguito al video di Olesya, la ragazza russa che ha lanciato un appello per trovare i suoi genitori naturali. Il test del DNA è stato effettuato e, se i risultati non dovessero arrivare nel weekend, il suo legale si dice pronto a contattare l’ambasciata russa.

Ci basta un Whatsapp per sapere se coincide con quello di Denise, ma ancora non arriva, i contatti con la Russia non sono facili. Se entro oggi non avremo una risposta interesserò l’ambasciata italiana a Mosca.

Così dichiara a Repubblica l’avvocato, Giacomo Frazzitta. Secondo lui conoscere il gruppo sanguigno è un elemento fondamentale per capire se proseguire nella vicenda o considerarlo un falso allarme. La vicenda di Olesya rischia, infatti di finire in un modo non tanto positivo per la famiglia di Denise: ciò che ricorda la ragazza russa è un lungo viaggio in treno con una donna rom che la portava a chiedere l’elemosina per strada. Quando la polizia scoprì che quella donna non era sua madre, fu portata a cinque in un orfanotrofio, per poi essere data in affido a una famiglia. Ciononostante Olesya cerca ancora la sua ver famiglia, al punto che ha partecipato a un programma televisivo russo, che le ha permesso di lanciare un video appello.

“Non ho mai perso la speranza”, l’appello di Piera Maggio.

A notare Olesya è stata un’infermiera ucraina da vent’anni in Italia, che, dopo aver visto il programma è andata a “Chi l’ha visto?” spiegando dell’appello della giovane. Di questa vicenda colpisce la grande somiglianza della giovane con Piera Maggio. Queste le parole del suo legale:

In questi anni abbiamo visto tanti avvistamenti e segnalazioni. Questa volta, però, stiamo seguendo una strada diversa, non abbiamo avviato i canali burocratici, giudiziari internazionali. C’è un contatto più diretto e speriamo di poter arrivare prima rispetto a quei canali. Io spero entro il weekend di avere le idee chiare.

Anche la madre è dello stesso avviso: in un messaggio pubblicato su Facebook ha ribadito di non aver mai perso le speranze.