News

Lutto nel giornalismo italiano: cade e muore in un dirupo durante un servizio. “Una grande perdita”

Cade in un dirupo durante le riprese e muore, la perdita del giornalista e operatore sconvolge tutti.
Lutto nel giornalismo italiano: cade e muore in un dirupo durante un servizio. “Una grande perdita”

Giornalista cade in un dirupo durante le riprese e muore, la notizia sconvolge tutti. Ecco di chi si tratta!

Tutto il mondo del giornalismo italiano è in lutto. A colpire tutti è la notizia della scomparsa di un noto giornalista anche perché l’evento è stato tanto inaspettato quanto drammatico. Durante le riprese l’uomo è precipitato, le cause sono tutt’ora in corso di accertamento, in un dirupo e per lui non c’è stato più niente da fare. I colleghi presenti sul luogo sono riusciti a raccontare increduli quegli attimi in cui nessuno ha fatto in tempo ad accorgersi di quello che stava per accadere.

Nonostante i soccorsi siano stati allertati immediatamente, i sanitari una volta giunti sul posto non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dell’uomo. La caduta è stata fatale e sia i sanitari che i vigili del fuoco hanno comunicato che la morte è stata immediata. Lo sfortunato giornalista è Michele Porcelli, regista e operatore di ripresa di LaC Tv. La tragedia si è consumata a Buonvicino, in provincia di Cosenza. Porcelli si trovava sul luogo in quanto stava effettuando una serie di riprese per una puntata relativa a una strage familiare risalente a 25 anni fa.

Immediate le parole di cordoglio dei colleghi di LaC Tv che hanno voluto ricordarlo così:

Forse possono essere considerate poche le immagini televisive che possiamo mostrarvi con Michele Porcelli dentro. Poche riprese è un po’ il destino di tutti gli operatori.

Il comunicato dell’emittente televisiva continua così:

Lo vediamo anche ora che non c’è più imbracciare la macchina, scegliere cosa inquadrare e fissare: Michele era soprattutto un giornalista, infatti viene spesso definito riduttivamente un tecnico. Lui capiva le notizie e le braccava con le sue immagini. Lascia un vuoto enorme per noi, immenso per tutta la televisione calabrese che aveva contribuito a migliorare con il suo lavoro. Aveva anche una dote umana che già ci manca: la generosità.

Le ultime parole rilasciate tramite social sono toccanti:

Tutto quello che ci ha suggerito, tutto quello che ha visto per noi e con noi, non scompare con lui, lo continuerete a vedere. Sarà dentro, come un amico e un collega, un fratello morto nell’esercizio del suo e del nostro dovere. Ai suoi familiari, a suo zio il collega Lullo Sergi, le nostro condoglianze e quelle del nostro network, del nostro direttore, di tutti. Ciao Michele!