Spettacolo

“Aiutateci”. Flavio Briatore (distrutto) lancia un appello in diretta tv. Cos’ha detto

Flavio Briatore è stato chiamato a "Cartabianca" per dare la sua opinione sui contagi in Sardegna, da qui lo scontro con Bianca Berlinguer.
“Aiutateci”. Flavio Briatore (distrutto) lancia un appello in diretta tv. Cos’ha detto

Martedì 6 aprile 2021, Flavio Briatore è stato attaccato durante la puntata di “Cartabianca” a cui è stato invitato da Bianca Berlinguer.

Infatti, alle parole di Flavio sulle misure adottate all’estero,

Noi siamo specialisti nel farci male, quest’estate si parlava di focolai in Sardegna ma c’erano zero morti.

La Berlinguer ha subito replicato:

Eh ma ci sono stati focolai e si sono allargati a un pezzo d’Italia. Non ci sono stati? Come no! In particolare nel suo locale, il Billionaire, c’erano 60 contagiati di Covid-19. E’ partito dalla Costa Smeralda.

Briatore, dal canto suo, si è difeso dalle accuse con forza, negando tutto.

Non è vero, non è vero. Le cifre sono sbagliate, ad agosto zero morti. Io mi sono contagiato a Montecarlo, ho avuto un virus nobile, monegasco. Lei sta sbagliando! La Sardegna era covid free fino a luglio. Ci sono stati 800 contagiati su 2.500.000 persone presenti in Sardegna. I 400 morti al giorno sono arrivati con la riapertura delle scuole. Noi ora abbiamo gli alberghi vuoti, i ristoranti vuoti, perché non facciamo come qui a Montecarlo? Si mostra il tampone negativo. Noi a furia di cazzeggiare rischiamo la guerra civile. Adesso la gente non ne può più! La gente a casa non guadagna da un anno e i soldi che sono arrivati sono delle elemosine. Tutti quelli che non sono stipendiati dallo Stato sono alla rovina, sono disperati, se non ci diamo una mossa con i vaccini, rischiamo la guerra civile! Ci vuole coraggio! Facciamo come in Inghilterra, prendiamo esempi validi e applichiamoli.

Briatore sulle riaperture: “Se vogliamo fantasticare facciamolo”.

Quando gli è stata chiesta un’opinione sulle riaperture, Flavio si è mostrato parecchio pessimista:

Lo dicono, ma 500.000 vaccini al giorno in Italia non si raggiungeranno ad aprile. Se non hai i vaccini, può arrivare il generale Figliuolo e anche Gesù, ma non fai 500.000 dosi. Per questo le riaperture del 15 maggio le vedremo a metà giugno e metà luglio, se poi vogliamo fantasticare facciamolo. Finché non si vaccina a tutto spiano non riusciremo a riaprire.